La popolarissima e “storica” (la prima puntata risale al 1969) trasmissione ludico-pedagogica per bambini “Sesame Street“, nella versione “madre” americana, compie uno di quei piccoli-grandi passi verso la civiltà e l’integrazione di tutti i soggetti sociali introducendo un nuovo personaggio, Julia, che presenta i sintomi di quel disturbo nello sviluppo comunemente chiamato autismo.

Lunedi 10 aprile, sull’emittente PBS e su Youtube, Julia si è presentata ufficialmente agli spettatori e ai suoi nuovi amici del mondo dei pupazzi più famosi del mondo.

“L’obiettivo era di decidere quali caratteristiche dovesse avere il personaggio e in che modo normalizzare l’autismo per il pubblico infantile – hanno spiegato gli autori del programma – Sin dall’inizio, ci si è chiesti come si potesse parlare di un tale argomento all’interno di Sesame Street: è difficile poiché i problemi legati all’autismo non sono comuni a tutti, e sono differenti a seconda della persona che ne è affetta.”

Per ottenere la miglior verosimiglianza nella caratterizzazione del personaggio, l’emittente ha lavorato a stretto contatto con associazioni che si occupano a vario titolo dell’argomento; nell’episodio che infine è stato trasmesso sono evidenti le difficoltà a comunicare e a relazionarsi di Julia, sintomi caratteristici nelle persone affette da autismo: all’inizio pare ignorare coloro che la salutano o le parlano, creando un potenziale fraintendimento che il conduttore del programma, Alan Muraoka, provvede a dissipare invitando gli altri personaggi ad usare la massima pazienza e delicatezza con la loro nuova amica.

La aiuterebbe porgerle un’altra volta il quesito.”

Julia viene anche fortemente scossa dal suono di una sirena di polizia (non che di solito sia un rumore tranquillizzante!, n.d.G.), ma i suoi nuovi compagni riescono a non farsi “spaventare” dalla sua reazione e a confortarla fino a quando non ritrova la calma e la tranquillità per giocare di nuovo insieme a loro.

Il personaggio era già stato introdotto in alcuni libri illustrati della serie ispirata alla trasmissione, ma per la sceneggiatrice Christine Ferraro l’auspicio è che col tempo essa diventi per tutti semplicemente “Julia” e non un simbolo di questo grave disturbo, che secondo il Servizio di censimento malattie degli Stati Uniti interessa oggi un bambino americano su 68.

Anche e soprattutto per loro, è iniziata la storia di Julia.

[Fonte: http://www.francetvinfo.fr/culture/tv/l-emission-americaine-pour-enfants-sesame-street-accueille-son-premier-personnage-autiste_2141922.html#xtor=RSS-3-[culture]

Per leggere l’articolo completo, click qui:
La popolarissima e “storica” (la prima puntata risale al 1969) trasmissione ludico-pedagogica per bambini “Sesame Street“, nella versione “madre” americana, compie uno di quei piccoli-grandi passi verso la civiltà e l’integrazione di tutti i soggetti…
Animazione, Approfondimenti e Stimoli, Eric Rittatore, Giovani Lettori e Lettrici, Personaggi – Serie, Televisione
afnews.info

Annunci