Topolino e Tiziano Ferro in copertina. E allora?

Se il buon Roberto Gagnor (autore Disney ) si è sentito in dovere di scrivere quel che ha scritto su Facebook (qui di seguito), vuol forse dire che c’è davvero qualcuno che si è “preoccupato” perché su Topolino (settimanale per giovani lettori e lettrici) c’è Tiziano Ferro in copertina?!

https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fthegagnor%2Fposts%2F10158737611875328&width=500Tiziano Ferro, per chi non lo sapesse, è un bravo cantautore (che può piacere più o meno a seconda dei gusti, ovvio, com’è giusto che sia): perché non dovrebbe stare in copertina? Non mi risulta sia portatore di disvalori inadatti alle giovani creature che sono il futuro della nostra umanità (e che sono il target naturale di Topolino): non è un crudele mafioso, non è uno spietato narcotrafficante, non è un serial killer, non sfrutta i lavoratori, non è un violentatore, non tortura nessuno, non è responsabile di traffico di esseri umani ecc. ecc. ecc. Non mi risulta nemmeno che diffonda fake news o balle varie. Non capisco…

Ah, qualcuno più giovane di me mi fa notare che è gay. La mia risposta consueta in tali circostanze, è “e allora?”.
Io sono un vecchietto che ha visto ogni nefandezza, perpetrata da esseri umani evidentemente con problemi mentali di ogni tipo, peggiori persino dei miei. Incapaci di proiettare empatia (quando non addirittura sprovvisti) e, semplicemente, di amare.
Persone che potrebbero trarre vantaggio dal seguire i consigli di neurologi seri, per tornare (o cominciare) a essere felici ed evitare così di far del male agli altri.
Ma, francamente, che violenza, malvagità, odio, mancanza di empatia e di capacità di amare fossero dovute alla propria personale sessualità non l’ho mai notato, e sì che di anni ne ho sulle spalle.
Questi mali della mente, in tutti questi decenni, li ho visti equamente distribuiti in ogni tipo di essere umano, senza alcuna distinzione di razza, sesso, gusti sessuali, studi, professione ecc.
Perciò la mia risposta resta “e allora?”, detto pure con un tocco di incredulità, senza cattiveria. Del tipo, ma di che parli? Non capisco… Non stai bene?…

Un disvalore che invece potrebbe tagliare fuori qualcuno dalla copertina di Topolino, perché davvero nocivo, mi viene in mente: è l’omofobia. Come il razzismo, il sessimo e tutti quegli ismi che prevedono l’inserimento di esseri umani in una lista di nemici da eliminare.
Come dici? Sì, è bene guardarsi dentro e scoprire se si fa una lista del genere: è un disvalore pericoloso per la sopravvivenza della specie umana. Proprio così. Se lo fai, prendilo come un serio segnale d’allarme per la salute della tua mente. Che tu, al momento, ti senta pro vax o no vax, pro tav o no tav, pro vega o no vega ecc. (elenco da continuare a piacere), se il risultato delle tue scelte produce nella tua testa una lista nera e odio, non stai per niente bene. IMVHO, naturalmente. Ma io non ti metterò in una lista di proscrizione (anche perché io la mia malattia mentale la curo); al massimo, se vuoi, ti posso mettere nella lista d’attesa del mio neurologo. Così poi staremo meglio tutti.

Per leggere l’articolo completo, click qui: Topolino e Tiziano Ferro in copertina. E allora?
Se il buon Roberto Gagnor (autore Disney ) si è sentito in dovere di scrivere quel che ha scritto su Facebook (qui di seguito), vuol forse dire che c’è davvero qualcuno che si è “preoccupato” perché su Topolino (settimanale per giovani lettori e lettrici) c’è Tiziano…
News e attualità
afnews.info

Annunci